La Liturgia è come il cibo che il bambino assume quando sta nel ventre della madre (la Chiesa): il fatto ch’egli stia apparentemente inoperoso non significa ch’egli non cresca. Come il bambino nel ventre materno, così è il cristiano. Il fedele che partecipa alla preghiera della Chiesa non lo fa per concentrarsi intellettualmente su un insegnamento codificato, ma per impregnarsi della bellezza della Liturgia, immergersi nella sua atmosfera, nutrire la sua anima, il cuore e lo spirito.

(da Rinascimento Sacro.blogspot.it )

La Divina Liturgia ultima modifica: 2016-07-04T17:25:12+00:00 da Alberto Nicelli (Modesto)